Posizionare un brand nella mente

A cura di Valentino C.

Nei vari brief e briffetti super cool da agenzia di comunicazione, ci sono termini a volte difficili, tipo Positioning... e in certi contesti non è bene che sia così.

Prima cosa cominciamo dall'italiano: parliamo di Posizionamento.
Non quello sui motori di ricerca ma quello nella mente.
Seconda cosa, è bene non dare per scontata la conoscenza del suo significato, non tutti hanno studiato marketing all'università.

Dunque la parola di oggi si riferisce alla posizione distintiva che il brand assume nel suo contesto competitivo.
Un posizionamento riuscito assicura che le persone nel mercato di riferimento percepiscano il brand come differente rispetto ai concorrenti.

Posizionare un brand significa delineare il target, le basi sulle quali si fonda l'attrattività dello stesso e lavorare alla credibilità del messaggio mettendo a punto un mix comunicativo coerente e sul lungo periodo.

Di sicuro è in questo contesto che si raggiungono i migliori risultati: è la coesione agenzia-cliente a rendere il posizionamento facile come una magia.

 

Altre letture che potrebbero interessarti

Articoli

Come e quando valutare gli investimenti di marketing?

È la classica domanda che i titolari e i manager d’impresa si pongono ogni anno. Diamo una risposta ben precisa.

Interviste

Intevista doppia sulla Strategia: Francesco Sordi e Samuel Gentile

Tre domande fatte a due esperti di marketing, che aiutano a capire quali armi sono necessarie per essere aziende competitive, con una strategia definita e un piano d'azione efficace.