Il piano editoriale efficace per i Social Network delle PMI

A cura di Paola Vivian

Programmare per risparmiare tempo

Per garantire regolarità ed incisività alla tua presenza sui Social Network, è indispensabile creare un piano editoriale [link ad articolo piano editoriale] che ti aiuti a mettere in ordine le idee e a risparmiare tempo.

Creare un piano editoriale significa dedicare del tempo per decidere in anticipo cosa pubblicherai nelle prossime settimane (o addirittura mesi!).

Questo ti permette di focalizzarti completamente sulla questione social per qualche ora, per poi accantonare il pensiero e dedicarti ad altre incombenze – almeno fino alla prossima programmazione.

È mille volte meno stancante e stressante di mettersi davanti al computer e scervellarsi per ore, cercando l'idea divertente e creativa per scrivere il tuo prossimo post.

Instant marketing, questo sconosciuto

Mai sentito parlare di Instant Marketing?

Forse il nome non ti dice nulla, ma i Social Network ne sono pieni! Impossibile? Prova a pensarci: post di grandi marchi che ti strappano un sorriso e magari anche una risata.

 

In questo post, Barilla rimanda chiaramente all'uscita del nuovo e attesissimo film di Star Wars. La nota azienda italiana, quindi, si è allacciata ad un argomento di tendenza ed ha creato appositamente un contenuto inerente.

Immediatezza e ironia

Cos'è, quindi, l'Instant Marketing? Parallelamente ad un evento che coinvolge l'opinione pubblica (sport, politica, gossip...), viene creato un post o una campagna social in cui si interpreta l'avvenimento in chiave ironica e divertente, preferibilmente legandolo in qualche modo alle caratteristiche della marca.

Ma a cosa serve il piano editoriale?

Quello che viene da chiedersi, però, è quale sia l'obiettivo di questo genere di post. Indubbiamente sono divertenti e attirano l'attenzione, creando uno scambio di battute e interazioni fra gli utenti – del resto, i Social Network sono nati proprio con questo intento.

Ma questi post hanno anche un grande limite: non comunicano i tratti distintivi e i valori. Non trasmettono nessuna informazione aggiuntiva inerente a ciò che offrono, semplicemente cavalcano l'onda di un argomento di tendenza per ottenere maggiore visibilità e coinvolgere gli utenti.

L'impossibilità di programmare

I contenuti di Instant Marketing sono estemporanei: dopo pochi giorni non sono più attuali, a differenza di testi e immagini che promuovono le caratteristiche distintive dell'azienda. Di fatto, diventa impossibile elaborare un piano editoriale: si è perennemente vincolati alle vicende esterne. Si elimina così un grande vantaggio, ossia quello di poter decidere in anticipo cosa pubblicare e risparmiare tempo prezioso.

 

Ilpianoeditoriale per le PMI

Mentre i grandi marchi possono permettersi di scherzare ed ironizzare sulle ultime novità, senza preoccuparsi troppo del messaggio che veicolano, ben diversa è la situazione delle piccole e medie imprese.

La presenza sui Social Network delle PMI è giustificata dall'obiettivo di consolidare la propria immagine, ampliando il bacino di persone raggiunte dal messaggio che si vuole promuovere. Inoltre è importante poter programmare il tempo da dedicare alla gestione dei Social Network, senza attendere eventi esterni a cui allacciarsi.

L'importanza del posizionamento

Ecco perché è essenziale che il messaggio sia chiaro e che veicoli in modo preciso il posizionamento della propria azienda. Il piano editoriale per i Social Network delle PMI deve trasmettere e trasferire chiaramente l'immagine aziendale, rafforzandola nel tempo.

Naturalmente, ci sono delle eccezioni. Anche un'impresa meno strutturata può talvolta intervenire su questioni di pubblico interesse, purché le tematiche siano affini con il posizionamento.

Senza dimenticare che anche i contenuti live sono coinvolgenti e aiutano a consolidare l'immagine aziendale: scopri di più leggendo l'articolo COSA SI INTENDE PER INSTANT MARKETING? Contenuti Live vs Instant Marketing

Altre letture che potrebbero interessarti

Articoli

La differenza tra Brand e Marca

È usanza comune utilizzare i termini Brand e Marca per comunicare lo stesso concetto, ovvero quello di marchio sul prodotto.

Ma i due termini hanno davvero lo stesso significato? E come vanno usati?

Interviste

Fotografie per il business: imparare a fare da soli si può!

Marco Rossato ci racconta il suo progetto che punta a rendere autonome le imprese nella realizzazione delle immagini per il loro business.