Ti occupi di marketing di prodotti alimentari? Ecco tre libri che fanno al caso tuo, parola di Archimede!

A cura di Samuel Gentile

Mi capita spesso di cominciare a leggere più libri in contemporanea, chi mi conosce sa che sopra alla scrivania o sul comodino, ma a volte anche in macchina, c'è sempre una pila di libri che mi accompagnano, a volte anche per parecchi mesi. In effetti non è uno stile di lettura molto pratico, ma ogni tanto regala delle soddisfazioni inattese.

Di fatto, in queste ultime settimane si sono sovrapposte tre letture che hanno acceso un sacco di connessioni e hanno dato vita a stimolanti riflessioni.

Questo è il motivo per cui ti voglio consigliare tre libri, da cui puoi stare certo di trarre utili insegnamenti e interessanti stimoli.

Tre libri per chi si occupa di marketing alimentare

1. Denominazione di origine inventata. Le bugie del marketing sui prodotti tipici italiani

Il primo è di Alberto Grandi. Già dal titolo l'autore ci va giù duro, attribuendo al marketing il ruolo di baro, nei confronti delle eccellenze tipiche del territorio. Ma il viaggio nel quale ci conduce l'autore è illuminante e mette sotto i riflettori quanto potere ci sia nelle mani dello storytelling, riuscendo a trasformare in pochi anni le abitudini di consumo di un'intera nazione.

Alberto Grandi parte da Siracusa, per raccontare la leggenda del pomodoro di Pachino, io invece parto da Siracusa per citare il grande Archimede: "Datemi un punto di appoggio e solleverò il mondo!".
Questo libro rappresenta la leva, il tramite con cui possiamo agire, che in questo caso è la storia da raccontare.

2. Svuota il carrello. Il marketing spiegato benissimo

Il secondo libro è di Gianluca Diegoli.
Il racconto di Gianluca parte proprio dagli scaffali del supermercato, per farci comprendere come funziona il mondo del marketing, sia da professionisti del settore, sia da consumatori.
Un viaggio dietro le quinte, spiegato benissimo appunto, in modo da far comprendere quali siano i ferri del mestiere anche all'ignaro e impulsivo acquirente di caramelle, mentre è in coda alla cassa.

Questa conoscenza di base è il punto d'appoggio, tanto utile quanto necessario al caro Archimede per soddisfare la sua formula.

3. Nudge. La spinta gentile

Il terzo libro è di due autori: Richard Thaler e Cass Sunstein.
Questa volta gli autori partono da una mensa scolastica e analizzano come viene influenzata la scelta del cibo degli studenti, agendo su ordinamento e disposizione.

Sentirsi responsabili delle scelte (consapevoli o meno) che farà l'utente è un compito difficile che richiede piena consapevolezza del proprio ruolo e del proprio potere. Non a caso gli autori definiscono questo ruolo come "architetto delle scelte", pienamente consapevole di quali siano le distorsioni congitive che, ormai sappiamo, caratterizzano il nostro pensiero da "Umani" e ci distinque dagli "Econi".

Nel libro la chiamano spinta, ma nella nostra equazione rappresenta la forza, il terzo elemento di Archimede, che si applica alla leva per convertire l'energia nel punto d'appoggio.

In sostanza la formula è questa

La storia da raccontare è la tua leva, con le giuste conoscenze di marketing hai un ottimo punto di appoggio e la tua capacità di influenzare le scelte è la forza che applichi per innescare il cambiamento.

Ora che hai tutti gli strumenti immagino non vedi l'ora di sollevare il mondo del consumatore.

In bocca al lupo e fammi sapere come è andata!

P.S. Ho scritto un articolo nel quale parlo di Pasquale, un pasticcere napoletano, che ho preso come pretesto per spiegare come si fa marketing, nella pratica, nel settore alimentare. Mi auguro ti sia utile!

 

 

Altre letture che potrebbero interessarti

Articoli

Aziende snelle, senza dieta

Eventi

Il marketing scientifico: non lo puoi fare se non sai stare sulla tavola da surf!

Ti fideresti di un pilota che governa un aereo tenendo la testa fuori dal finestrino perché non sa leggere il cruscotto? I dati di mercato sono come un cruscotto. Sapere quali dati ricercare e avere un metodo di lettura e interpretazione permette di disegnare strategie efficaci per lo sviluppo del business.